20 agosto 2014

CUNNY IS BACK

E anche quest'anno le vacanze sono finite. Mi restano una manciata di giorni di ferie e poi da lunedì si ritorna alla solita vita.
Di buono è che si avvicina la fine dell'anno. il mio anno, dato che per me l'anno nuovo inizia il 01 di settembre, come ho già detto.

Anche quest'anno Germania e, in più, Austria. Adoro quei posti, quel cibo e quella gente.
Un paio di istantanee che mi hanno colpito:
la prima una mora, capelli lunghi, occhiali Ray Ban alla guida di una Porsche 911 cabrio di colore nero. Sexy da impazzire.
La seconda sempre mora, cameriera di un locale di Lermoos, pizzeria Bei Willi: viso stupendo e un paio di tette che...potresti mangiare anche segatura che ti sembrerebbe il cibo migliore della Terra.

Spero siate ancora in ferie e ve le stiate godendo...fate con calma che mi aspetto.

 

09 agosto 2014

Chiuso per ferie

Beh ci siamo: stasera si parte.
Come ogni anno ad agosto, mi godrò una decina di giorni in Germania, quest'anno sarà anche un po' Austria.
Amo trascorrere le mie ferie in Baviera per vari motivi:
i posti sono belli, per me che amo i monti, la birra ed il cibo sono ottimi, la gente è gradevole ed ospitale e soprattutto pochi italiani e quei pochi sono comunque persone a posto dato che i cafoni sono tutti al mare in estate.  

Quest'anno, poi, visiterò Monaco, prima volta dopo anni che vado in Baviera
Qualche giorno lì e poi sarà, quest'anno, Austria ma, comunque, quasi sul confine con la Germania.

Dato che non avrò con me il PC, vi saluto ora e vi auguro buone vacanze.
Spero vi divertiate, vi rilassiate e scopiate tanto, tanto, tanto.
Io conto di farmi un paio di scopate al giorno con la Morosa, sperando che il ciclo non le arrivi troppo presto. Mi sono concesso una notte di sesso preventiva, la scorsa (ho ancora il cazzo rosso fuoco) così per un giorno o due sarò tranquillo.

Confesso che mi piacerebbe una vacanza in Germania con la tipa della foto, dieci giorni da passare a bere birra e scopare, ma dubito di avere un fisico così resistente e anche di trovare una come quella della foto, disponibile.

Ci si ribecca tra una decina di giorni...statemi bene.


07 agosto 2014

Il Cazzo

"Non grosso che turi, non lungo che tocchi, ma duro che duri è un cazzo coi fiocchi."
No, non l'ho scritta io questa perla di saggezza popolare ma è probabile l'abbia fatto uno col cazzo simile al mio.

Oggi però non parliamo di misure ma di lui, del cazzo.
Che dire: amo il mio cazzo.
Alla fine se penso ai piaceri che mi ha donato la vita, e che ho donato a mia volta, lui era sempre presente e ne è stato spesso artefice.
Fin da quando ho capito che toccandolo potevo provare piacere non ho più smesso e mi concedo questo piacere almeno una volta al giorno, spesso anche quando sono reduce da qualche ora o una notte in compagnia di una AA visto che quando mi viene duro mi piace sfogare quella tensione sessuale per farlo rilassare.

Oggi, quindi, parliamo del cazzo.

COME È FATTO UN PENE
Il pene è costituito da un corpo più lungo e a forma di cilindro e da una parte finale più concava denominata glande.
Il corpo del pene è caratterizzato da due cilindri laterali, i corpi cavernosi, che sono gli elementi erettili.
Il glande invece è utile, considerata la sua forma, a favorire la penetrazione durante l’atto sessuale e ad agevolare l’immissione dello sperma all’interno della vagina evitando di portarlo fuori al termine dell’amplesso; al vertice del glande è presente un’apertura, l’orifizio dell’uretra, che permette la fuoriuscita dell’urina e dello sperma.

Si è sempre dibattuto su come dovrebbe essere grosso per far godere una donna ma, se ci pensate, le lesbiche godono orgasmi forse più di molte donne etero e il cazzo non ce l'hanno.
Al di là di quelle che possono le dimensioni, conta molto anche la forma di questo attrezzo.

Ci sono 5 tipologie di cazzo, più o meno.

1. IL PENE MATITA
Questa forma di pene, probabilmente la più comune, è caratterizzata da un corpo che ha un unico spessore e la parte del glande che è invece più stretta.
Questo tipo di pene è generalmente quello che consente la maggior parte delle posizioni, anche il sesso anale, perché essendo più stretto alla punta provoca al partner meno dolore e fastidio.

2. IL PENE A FUNGO
Il pene che ha un glande più voluminoso ed un corpo più sottile, è detto a pene a fungo.
Gli uomini che possiedono un pene con tale forma provano molta gratificazione dal sesso orale e nel fare l’amore possono provare piacere in quasi tutte le posizioni.
Non è particolarmente consigliato il sesso anale perché, a causa delle dimensioni del glande, potrebbe indurre dolore e fastidio nel partner.

3. IL PENE CURVO
Un’altra tipologia di forma di pene è quella del pene curvo e, quando la curvatura non è eccessiva, rappresenta una caratteristica di normale variabilità.
La sua caratteristica è di essere orientato maggiormente verso destra o verso sinistra.
Lo svantaggio di questo tipo di forma durante l’atto sessuale è che ha una scarsa flessibilità rispetto agli altri e questo può facilitare un certo disagio durante la penetrazione.
Il vantaggio invece può essere collegato al fatto che in alcuni casi, l’orientamento del pene e la sua rigidità possono stimolare zone particolarmente erogene della donna durante la penetrazione.

4. IL PENE CONO
Quando la forma del pene è caratterizzata da un glande fine e da un corpo che aumenta le dimensioni man mano che scende, è possibile provare e far provare piacere, durante l’atto sessuale, in tutte le posizioni perché la forma tipica di questo fallo gli consente una penetrazione crescente graduale. Per la stessa ragione anche il sesso anale non risulta doloroso.

5. IL PENE BANANA
È una forma molto comune di pene caratterizzata dal fatto che il glande e la base del fallo hanno la stessa dimensione ma il corpo è più grosso nella parte centrale.
Questa tipologia di pene permette di poter praticare sia il sesso orale che la maggior parte delle posizioni, assicurando piacere ad entrambi i partner grazie alla sua flessibilità ed al glande non voluminoso.

FONTE

Io dovrei avere il cazzo BANANA, curvo verso l'alto.
E si, io godo, le mie AA direi che godono, considerato che me la danno e ridanno anche spesso, e anche per il sesso orale vedo che non hanno problemi a praticarlo.
Quindi capite bene che non potrei non amare un cazzo così, un cazzo coi fiocchi stando al vecchio adagio popolare.


06 agosto 2014

I diversi tipi di piacere femminile

Ho spesso sottolineato come le donne, anche per il discorso sessuale, siano molto più complicate dei maschietti.
Fosse stato il contrario non ci sarebbero stati problemi ma che sia l'uomo, questo essere che non riesce nemmeno a trovarsi il naso per scaccolarsi senza un navigatore satellitare, a dover capire una "sfinge" come la donna è un vero disastro.

E, quindi, come se non fosse stato abbastanza il dover capire i segnali non verbali che manda una donna a seconda che sia o meno disponibile, scoprire dove si trova il punto G, intuire se una donna sta godendo davvero o finge, come maneggiare il clitoride, ecco che saltano fuori non uno ma cinque diversi tipi di piacere femminile.
Essendo il mio un blog in cui si parla di sesso ovviamente non prenderò in esame gli altri piaceri femminili quali gossip, scarpe, gioielli, ecc...

PIACERE ESPLOSIVO
Caratterizzato da potenti contrazioni dei muscoli perianali e pubococcigei, a cui seguono un rilassamento immediato e un'ipersensibilità.
È quello di cui immagino goda la mia Morosa visto che quando viene vuole poi essere lasciata in pace...tipo che la lecco, orgasma, e poi inizia a colpirmi violentemente la nuca con un posacenere in cristallo massicio per far si che mi stacchi dal mio "pasto".

PICCHI DI PIACERE
Che non significa quando picchi qualcuno e godi ma quando l'orgasmo si manifesta con una serie di picchi di minore intensità e meno esplosivi, ma che si susseguono velocemente a intervalli molto ravvicinati.
Qua non so se ci sono AA che godono in questo modo...anzi a dirla tutta non so nemmeno se le mie AA godono oppure se scopano con me solo per guadagnarsi il paradiso compiendo un atto caritatevole...

PIACERE TANTRICO
In questo caso non c’è contrazione muscolare, ma il piacere coinvolge tutto il corpo.
È come un’ondata che può durare molto a lungo, facendoci sperimentare in un vero e proprio stato di estasi.
Ah lo so che vorreste sperimentarlo anche voi ma, come sanno le mie lettrici, per godere del sesso tantrico non dovete spalancare le cosce e farvi sbattere ma è un gioco di sfioramenti, più mentale.
Di buono c'è che è meno faticoso e non dovete necessariamente farvi la ceretta prima.

PIACERE ONIRICO
Quando il piacere lo raggiungete in sogno.
Tipo che sognate di scopare con i Bronzi di Riace che si sono magicamente rianimati (ed ai quali sempre magicamente è cresciuto il cazzo perché anche loro sono messi malino là sotto, immaginate di essere protagoniste di una doppia penetrazione ed orgasmate.
Vi svegliate con la passera che gronda umori, vi guardate attorno e vedete solo quel tricheco obeso che vi siete sposate che ronfa accanto a voi, con un sorrisino malizioso sulle labbra ed il cazzo che svetta sotto le lenzuola che, probabilmente, starà sognando anche lui di scoparsi quancun'altra.
Però, dovete essere orgogliose della vostra vita di coppia...

PIACERE VAGINALE O CLITORIDEO
Che lo sappiamo no? Ci sono quelle che vengono con la stimolazione vaginale e quelle con la stimolazione clitoridea.
Io mi diverto a stimolare un po' tutto...tipo che quando scopo mi piace massaggiare il clito, ad esempio, o se ho un paio di ninnoli vibranti o meno, mi piace scopare entrambi i buchetti della mia AA mentre le lecco e succhio il clitoride.
Perché il mio è un semplice ragionamento:
se la stimolo in più modi ho più possibilità di trovare quello che la farà godere no?
Ormai mi conoscete abbastanza da sapere che la mia natura altruista fa si che mi impegni con tutto me stesso per il piacere delle mie AA

FONTE


05 agosto 2014

Fulmini - quinta parte

Ok ma se vi capita un imbecille che non legge il mio blog, che non sa come comportarsi in caso di temporali e viene colpito da un fulmine, che fare?
Probabilmente, in quanto lettrici di questo blog e, quindi, deliziosamente porno, potreste tentare di rianimarlo come fece Iside quando resuscitò Osiride con un pompino.
Ma magari il tutto accade in mezzo a della gente, o in una spiaggia e sarebbe sconveniente.

Quindi:
sentire respiro e battito.
Se la persona colpita da un fulmine è di sesso femminile e con un bel paio di tette, potete aprirle la camicetta per fare meglio ma non succhiatele i capezzoli.
Nel caso utilizzate il "trattamento delle morti apparenti" che, personalmente, ignoro.
Nel mio caso, per capire se sono morto sul serio, è sufficiente vi mettiate a cavalcioni sulla mia bocca in modo da avere la passera a pochi millimetri dalla mia bocca:
se sentite una lingua che vi lecca, allora sono vivo, altrimenti, crematemi.

Eseguire la respirazione bocca-bocca, il che non significa infilarle una mano nelle mutandine e la lingua in bocca.
Se quello esanime sono io, fatemi la respirazione bocca a bocca solo se siete di sesso femminile. Se siete maschi, lasciatemi morire.

Massaggio cardiaco, che non significa palpare le tette alla figa colpita dal fulmine ma...fare il massaggio cardiaco come si vede nei film.

Io sono completamente a digiuno per quello che riguarda l'argomento "primo soccorso" quindi sperate che quello che vi deve accadere non vi accada con solo il sottoscritto nei paraggi, altrimenti siete spacciati.
E scordatevi che vi faccia la respirazione bocca a bocca se siete di sesso maschile, o se avete mangiato aglio.

Bene, direi che abbiamo sviscerato il problema fulmini e temporali in modo esaustivo.
Nel caso, per approfondire, andate sul sito del centrometeo che è meglio.
Se avete letto quello che ho scritto, difficilmente morirete per un colpo di fulmine, anzi...
Credeteci o meno ma i colpi di fulmine sono quanto di più vitale esista, sono la vera essenza della vita stessa.
Ovviamente parlo dei colpi di fulmine sentimentali e non legati ai temporali.



03 agosto 2014

Fulmini - parte quarta



E continuiamo a dare consigli utili su come comportarsi in caso di temporali o come sfruttarli a proprio vantaggio per eliminare qualcuno che vi sta sul cazzo.

AL MARE
Forse il mare è pure peggio della montagna, dato che lì è tutto "spiano" e, quindi, un imbecille in piedi è un ottimo bersaglio da colpire (il fulmine è subdolo...).
Per non parlare del fatto che se il fulmine si scarica in acqua quelli che sono a bagno rischiano di restare inceneriti.
E quindi? Che fare?
Intanto andarsene dalla spiaggia quando si capisce che arriva il temporale che, tanto, se c'è nuvolo non vi abbronzate.
Se proprio non potete fuggire restate seduti oppure accucciati.
Se temete comunque di essere colpiti lanciate un raudo sotto un lettino sul quale giace bellamente uno scelto a caso così, quando esploderà, il tizio schizzerà in piedi e il fulmine, trovando solo lui, lo colpirà.
Magari fatelo con quello che ha la moglie figa, così la potrete "consolare" una volta che resterà vedova.

AL PARCO
Le regole sono sempre quelle alla fine:
allontanarsi dagli alberi, trovare riparo in un luogo chiuso o, nel caso ciò non sia possibile, restare accucciati in una zona il più possibile lontana da punte.
Se siete nudi stesi supini col cazzo in tiro, fate in modo di ammosciarlo pensando a qualcosa di brutto, tipo la BMW X6 (sarebbe bello sapere che cazzo ci fate stesi, nudi e col cazzo in tiro in un parco...)
Se state usando la bicicletta mollatela subito, a meno che non sia in altro materiale (legno, balsa, panna montata, gomma, plastica o pasta brisè)

IN CAMPEGGIO
Restare nella roulotte o camper, che si comporta da gabbia come l’automobile.
Se siete in tenda uscire e cercare un rifugio chiuso:
bussate a qualche camper e se non vi aprono prendete una tanica di kerosene, irrorate ben bene il caravan di quei cattivoni e dategli fuoco (che roulotte e camper rompono solo i coglioni agli altri utenti della strada).
Se non avete il kerosene o qualche altro liquido infiammabile, tornate in tenda, accucciatevi e state lontani dai pali metallici.
Evitate di giocare con aquiloni e non intrattenetevi con la pesca, specie con la canna, che se poi arriva la polizia vi arrestano che la droga è illegale.
Nel caso in cui siete in ferie con vostro suocero e volete sbarazzarvene perché volete impossessarvi della sua bella casa, visto che i vecchi si annoiano e rompono i coglioni, appena vedete che il cielo si scurisce mandatelo fuori a tagliare un po' di legna con l'accetta, o magari ditegli di giocare a minigolf che le mazze tirano i fulmini.

IN BARCA
Se avete una barca è un bel casino:
è uno dei luoghi meno sicuri in caso di temporale, soprattutto se a vela.
Ad ogni modo:
raggiungere al più presto un ormeggio e abbandonare la barca;
se ciò non è possibile e se la costa ha pareti elevate navigare sotto-costa;
se avete mandato vostro suocero di vedetta sull'albero maestro, ditegli di scendere immediat...ma no dai, ditegli di non muoversi e di osservare se riesce a scorgere all'orizzonte la Perla Nera di Capitan Jack Sparrow.

02 agosto 2014

Fulmini - parte terza

Vediamo ora più in dettaglio quali sono le principali regole di comportamento da seguire in svariate situazioni.

IN CASA
Se abitate su un albero come Tarzan potrebbe essere rischioso ma anche se abitate in una casa normale potreste correre dei rischi:
in casa, e più in generale in qualunque edificio, vi sono vari impianti, che hanno parti metalliche o comunque conduttrici di elettricità:
l’antenna televisiva, i cavi telefonici, l’impianto elettrico, l’impianto idraulico e così via e la corrente del fulmine può entrare in casa sfruttando tali vie.

In caso di temporale, quindi:
spegnere il televisore, staccare la spina dalla presa di corrente, l’antenna; in generale sarebbe bene non utilizzare, o meglio spegnere e staccare dalla presa di corrente qualunque dispositivo o elettrodomestico, come phon, ferro da stiro o altro;
non toccare rubinetti e tubi dell’acqua ed astenersi di fare la doccia o il bagno;
non eseguire riparazioni elettriche a contatto e/o direttamente agli impianti;
utilizzare il telefono solo in caso di estrema necessità.

I nostri antenati non avevano di questi problemi, e nemmeno Tarzan, ma non è servito molto.
Gli uomini delle caverne non avevano oggetti metallici, né elettricità, acqua corrente o telefono, eppure sono morti lo stesso.
Quindi, se la vostra vicina di casa bussa alla vostra porta in accappatoio, vi chiede se può fare usare la vostra doccia e che, per non farvi sprecare troppa acqua, è disposta a farla insieme a voi, mentre si sta per scatenare un temporale, il buon senso vi direbbe di sbatterle la porta in faccia ma ricordate che potreste sempre morire scivolando sul parquet e battendo la testa sul pavimento o magari pugnalati da un forchettone da arrosto durante un fenomeno di Poltergeist.
Quindi date retta a Cunny ed infilatevi sotto la doccia con quel pezzo di figa anche se ci fosse Zeus che scaglia fulmini nel soggiorno del vostro appartamento.
Perché chissà se e quando vi ricapiterà una cosa del genere...e poi non è detto, magari la scarica colpisce lei e non voi e quindi...

IN AUTO
L'auto è generalmente un luogo sicuro visto che, in genere, si tratta di una gabbia metallica (ovviamente se non siete i fratelli Slag e guidate la Macigno-Mobile).

Se il veicolo sul quale siete venisse colpito da un fulmine, la corrente avvolgerebbe la carrozzeria e verrebbe dirottata verso terra attraverso le gomme.
Essendo poi molto vicina a terra, la corrente può anche facilmente creare un arco elettrico tra carrozzeria e terreno, creando un altro "veicolo" di fuga per la corrente stessa.

Comunque c'è da tenere chiusi tutti i finestrini, le porte o altri sportelli e non si devono toccare le parti metalliche e l’autoradio.
Sul fatto delle parti metalliche non ci sono problemi: gli interni delle auto moderne sono degli ignobili plasticoni e quindi la possibilità di restare fulminati è alquanto remota.
Se, invece, siete tra quelli che passano il tempo a cercare qualcosa di ascoltabile per radio o continuate a mandare avanti e in dietro il CD perché "questa non mi piace", "questa l'ho già sentita", "i Village People basta che mi hanno rotto i coglioni" se restate fulminati ve lo meritate.
i perché siete dei rompicoglioni.
Se il proprietario dell'auto sulla quale viaggiate ha deciso che vuole sentire gli Abba non dovete rompergli i coglioni perché a voi gli Abba non piacciono e volete sentire...cazzo ne so.
Se volete sentire la musica che volete voi vi portate dietro l'iPod oppure vi mettete con qualcuno che abbia i vostri stessi gusti musicali.
Quindi, se restate fulminati mentre smanettate con l'autoradio o il conducente decide di abbandonarvi all'autogrill, cazzi vostri.

IN MONTAGNA
Di tutti i posti, la montagna è quello meno indicato in cui trovarsi in caso di temporali.
Primo perché sono molto probabili, soprattutto in estate, poi perché sono particolarmente esposte ai fulmini, a causa dell’altezza e della forma tendenzialmente appuntita ed i sentieri di montagna spesso sono attrezzati con funi o scale metalliche, le famose "ferrate" che come sappiamo possono essere facili veicoli per il fulmine. Che fare allora?
Semplice: se arriva il temporale vi rifugiate in un...rifugio e passate il resto della giornata a bere birra o grappa fino a crollare esanimi sul tavolo.
Il giorno dopo, un tazzone di caffè e ripartite.
Ma se siete astemi forse è meglio:
informarsi, prima di tutto, sulle condizioni meteorologiche in atto e previste.
E se è troppo tardi e il temprale vi becca all'aperto, assumete una posizione accucciata e mantenetela anche se dovesse arrivare un cinghiale che tenta di accoppiarsi con voi.
I cinghiali non hanno il cazzo grosso come quello di un cavallo e, quindi, non sarà particolarmente doloroso.
Restate alla larga da punte, alberi e non toccate eventuali strutture metalliche.
Ah, se siete in una comitiva, evitate di sollevare in aria le racchette per farvi vedere dagli altri del gruppo:
la racchetta metallica attira i fulmini e si, sicuramente vi vedrebbero ma poi, finita la sfiammata, troverebbero un mucchietto di cenere.
Vero che "cenere alla cenere" ma se si può aspettare ancora un pochino...


01 agosto 2014

Fulmini - parte seconda

Continuiamo sull'argomento fulmini e come cercare di non farsi incenerire guardando quali sono le attività più a rischio:

lavorare o giocare in terreni aperti;
navigare, pescare e nuotare;
lavorare con attrezzi agricoli;
giocare a golf;
parlare al telefono;
riparare o usare apparecchiature elettriche;
riproporre l'esperimento di Benjamin Franklin;
conciarsi come LL Cool J nel video "I'm bad" (i collanoni attirano i fulmini)

Quindi, in caso di temporale c'è solo una cosa da fare: una beneamata minchia.
Vi mettete sul letto e aspettate che passi. Non usate vibratori, soprattutto se collegati alla rete elettrica, se non volete arrostirvi la patata.

Ah ma oggi è venerdì e quindi PESC... Ehm no, niente PESCE.
Da quando ho letto che le donne trovano eccitanti gli uomini seminudi o in atteggiamenti teneri, ho svuotato il congelatore e gettato tutti i pesci.
Beccatevi quindi uomini seminudi o in atteggiamenti teneri.




31 luglio 2014

Fulmini - parte prima



Questa verrà ricordata come un'estate strana, la più strana da diversi anni a questa parte; ho letto in giro che è stata una tra le più anomale degli ultimi 70 anni.
Anche stamane, partendo da casa in auto, ho dovuto accendere il riscaldamento...siamo al 31 di luglio e io non abito sul ghiacciaio Khumbu.

Fenomeno che mi affascina e, allo stesso tempo, mi da un po' di apprensione sono i fulmini.
Mi affascina perché il temporale è una manifestazione violenta in cui la Natura ci ricorda che noi umani, che pensiamo di essere padroni di tutto, in realtà siamo delle merde insignificanti e mi da apprensione perché tra Sky ed internet ho sulla casa due parabole che temo possano attirare qualche fulmine.
Sarebbe triste morire fulminato per colpa di una scarica elettrica potente che percorre il filo elettrico collegato all'alimentatore del laptop mentre mi sto tirando una sega guardando qualche video su Tube Kitty
Dovesse accadere spero di restare fulminato dopo che sono venuto.

Ma vediamo di imparare qualcosa di più sui fulmini (sapete che amo dare una connotazione pseudo scientifica e di pubblica utilità al mio blog).

Intanto è bene sapere che i fulmini sono la seconda causa di morte per eventi atmosferici dopo le piene improvvise e le alluvioni.
Curioso il fatto che gli uomini sono colpiti quattro volte più che le donne (80% contro il 20%).
I motivi?
Intanto perché gli uomini svolgono maggiori attività all’aperto, spesso maneggiando oggetti metallici, poi perché sono più imbecilli delle donne (se vedi che sta arrivando un temporale o il cielo è nuvoloso e ti metti all'aperto con un'asta metallica in mano vuol dire che sei un imbecille).
Sembra anche che la causa dia in parte dovuta alle proprietà elettriche del testosterone.

Comunque, per tranquillizzarvi, solo il 20-30% delle persone colpite da un fulmine muore e la morte avviene o per arresto cardiaco o per paralisi respiratoria.
Quindi se, ad esempio, volete "farlo strano", per riallacciarmi al post precedente,e durante un temporale vi mettere un tondino metallico nel culo, vi stendete a pancia in giù ed aspettate che una folgore vi colpisca, non è detto che ci lasciate le penne e, magari, potreste avere qualcosa da raccontare agli amici il giorno dopo.

Ok ma quante probabilità ci sono di essere colpiti da un fulmine?
E' stato calcolato che mediamente, per una persona comune, le probabilità di essere colpita da un fulmine in un periodo di 80 anni sono circa 1 su 3000.
Tuttavia c'è stato qualcuno che è andato contro questa previsione statistica e fu il il ranger statunitense Roy Sullivan, vissuto in Virginia tra il 1912 e il 1983.
Tra il 1942 e il 1977 Sullivan fu centrato da un fulmine in sette diverse occasioni, sopravvivendo tutte le volte.
Nell'ordine, i sette fulmini gli provocarono:
perdita di un'unghia del piede, bruciatura delle sopracciglia, danneggiamento della spalla sinistra, bruciatura del cuoio capelluto, bruciatura del cappello e abrasioni su braccia e gambe, danneggiamento di un'anca, bruciatura di petto e bacino.
Sullivan morì suicida all'età di 71 anni.
FONTE

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...